Bottega Fantasia

La fantasia si può insegnare?

Mi sa proprio di no. Però da alcuni maestri si può imparare. Il mio maestro preferito si chiama Gianni Rodari, la mia maestra preferita è la Signora Provaeriprova.

Tutti e tutte siamo esseri fantasiosi (e fantastici).

L’immaginazione fa parte di noi, anche di chi non s’immagina d’averla.

A volte, però, la fantasia fa un po’ la timida, ha bisogno d’essere stuzzicata un po’ per uscire dalla sua comoda tana e dare il meglio di sé. Alla fantasia piace ballare, ma devi invitarla tu in pista.

Qualcuno direbbe che la fantasia è un po’ come un muscolo, va allenata, esercitata. Ecco allora che m’improvviso preparatore atletico! Ti prometto una cosa: non suderai.

Nel tempo ho raccolto ed elaborato alcuni esercizi molto utili per stimolare la fantasia, per farsi venire idee divertenti, bizzarre, assurde e a volte addirittura geniali.

Alcune di queste idee le ho usate per scrivere storie, tenere corsi, ideare progetti. Altre le ho messe da parte, perché non si sa mai. Ho scoperto che la fantasia serve a moltissime cose, quindi non credere mai a chi ti dice che è una perdita di tempo!

Ora mi piacerebbe condividere con te gli strumenti che conosco e uso ormai quotidianamente. Sono esercizi che possono essere svolti in autonomia, ma spesso in gruppo ci si diverte di più, soprattutto all’inizio, quando la fantasia è più timida.

Vieni alla Bottega Fantasia?

A chi è rivolto

Gli esercizi che ti propongo sono giochi adatti a chiunque, dagli 0 ai 99 anni. Se hai 100 anni o più però non preoccuparti, puoi giocare anche tu!

Tanto qui non esistono errori, vincono tutti e soprattutto ci si diverte un sacco.

Ti interessa? Scrivimi una mail