arrow-left arrow-right brightness-2 chevron-left chevron-right circle-half-full dots-horizontal facebook-box facebook loader magnify menu-down rss-box star twitter-box twitter white-balance-sunny window-close
The case against education - Appunti
3 min read

The case against education - Appunti

Tesi del libro: La scuola, specie quella successiva alle medie, non serve (o serve pochissimo rispetto al tempo che porta via).

Gli studenti non ricordano la maggior parte di quello che imparano

  • Già dopo le vacanze estive si ricordano pochissimo, figurarsi dopo anni
  • Dimenticano le informazioni (a meno di non usarle continuamente) perché sono inutili per loro
  • Specialmente i corsi dalle superiori in poi
  • Solo le competenze base sono utili (matematica di base, leggere, ... )

Non è vero che la scuola ti insegna a pensare

  • Ti insegna a pensare solo in una finestra molto stretta (la disciplina che stai studiando o peggio il singolo argomento)
  • Esperimenti hanno dimostrato che gli studenti non sanno utilizzare l'informazione acquisita in contesti diversi da quella in cui è stata studiata, di fatto rendendola inutile

Se è vero che a scuola non impariamo, come facciamo a diventare bravi sul lavoro?

  • Facendo esperienza in quel lavoro

I datori di lavoro sono pigri e usano il diploma (e i voti) come criterio per assumere

  • Dopo le medie l'educazione serve per il suo Valore di segnalazione, non per il suo valore reale
  • "Se hai preso la laurea significa che devi essere coscienzioso"
  • Adesso serve una laurea anche per servire il caffè, gli altri hanno segnalato che serve la laurea per farlo quindi ora tutti dobbiamo correre la stessa gara

Il problema del "correre la gara"?

  • I ricchi possono correre una gara più lunga
  • La gara si sta allungando (devi studiare di più per fare le stesse cose di prima) ["Inflazione dell'educazione", vedi anche il TED talk di Ken Robinson: https://youtu.be/iG9CE55wbtY]
  • Le borse di studio vanno bene per il singolo, ma rende la vita più difficile a chi era allo stesso livello di povertà, rende la loro educazione meno rilevante

In molti non recuperano i costi e gli stipendi che avrebbero potuto percepire andando subito a lavorare [Costo opportunità]

I test servono a dimostrare che sai fare il test, non che saprai lavorare e mettere a frutto le competenze acquisite

Il Nido non fornisce benefici

  • I benefici iniziali svaniscono nel giro di un anno
  • Serve più ai genitori per non dover star dietro ai figli

Perché non cambiamo l'educazione?

  1. Le persone credono che sia importante
  • Non puoi cambiare qualcosa di così grande se le persone pensano che sia utile (o non così dannosa)
  1. Siamo in una situazione con un "Rinforzo dell'errore"
  • Gli step di questa fallacia sono:
    • I datori di lavoro assumono una persona con educazione ("Sarà coscienziosa e lavorerà duramente")
    • Gli altri vedono che le aziende assumono chi ha quel livello di studio, quindi studiano per ottenerlo
    • Un po' alla volta tutti devono correre la gara, che a parità di "traguardo" è ora diventata più lunga
    • Il meccanismo continua a rinforzarsi da solo, escludendo chi non è bravo nello studio accademico
  1. Le scuole vogliono fare contenti i clienti
  • Nel tempo diventa più semplice ottenere buoni voti (la media del GPA aumenta ma senza che ci siano studenti più bravi), quindi genitori e studenti "sono contenti del sistema così com'è"
  1. La scuola è un parcheggio dove mettere i figli durante il giorno
  • I genitori potrebbero far cambiare le cose
  • Ma poi dovrebbero occuparsi dei figli invece che andare a lavorare (o pagare per sistemarli altrove)
  • Le scuole sono ottimizzate per la comodità più che per l'apprendimento: studi hanno dimostrato come l'orario ideale di scuola sarebbe più tardi, ma non concilierebbe gli orari lavorativi dei genitori

Link ad Amazon: https://www.amazon.it/Case-against-Education-System-English-ebook/dp/B07T3QRNLC

Link al riassunto video di Curtis McHale: https://youtu.be/-D2PZz6tdrY